Grotte sotterranee e ipogei nelle Marche da non perdere

Un mondo sotterraneo, così vengono definite comunemente le grotte sotterranee e gli ipogei. Talvolta si tratta di piccole cavità e brevi gallerie, nella maggior parte dei casi, invece, sono vere e proprie città sotterranee solo parzialmente riportate alla luce e accessibili al pubblico.

Le Marche, da questo punto di vista, ne è molto ricca: fra grotte naturali ed ipogei, cisterne e acquedotti, c’è solo l’imbarazzo della scelta in diverse zone della regione. Ognuno di questi luoghi racchiude e racconta un passato affascinante, ne identifica il territorio e la popolazione dei paesi dove sono state scavati.

Partendo dalla provincia di Pesaro-Urbino fino ad arrivare a quella di Fermo, oggi vi portiamo con noi in un viaggio nel misterioso e talvolta leggendario mondo delle città sotterranee delle Marche.

Grotta ipogeo di Piagge (PU)

L’unica grotta ipogeo aperta ed accessibile al pubblico a Piagge, nel cuore di Terre Roveresche. Scoperto solo nel 1996, si tratta di un ipogeo molto piccolo che, a differenza degli altri, continua ancor oggi a non voler svelare tutti i suoi segreti. Ciò che si sa per certo (o si può ipotizzare con elevata probabilità) è che sia nato come luogo di culto per i primi Cristiani che temevano, in un’epoca in cui il Cristianesimo aveva appena iniziato a diffondersi, di essere perseguitati.

Una visita molto interessante, alla scoperta dei significati dei suoi simboli (sempre presenti in questo tipo di grotte) e delle sue leggende.

Grotte di Frasassi (AN)

Dite la verità, chi di voi è stato almeno una volta alle grotte di Frasassi? Io sì e ci sono tornata molto volentieri qualche anno fa in occasione di un weekend tra Genga e Fabriano. È difficile spiegare la meraviglia delle grotte di Frasassi, la loro magnificenza, i colori, la luce che riescono a sprigionare, le forme delle concrezioni che talvolta danno il nome alla “stanza” stessa in cui si trovano. Delle grotte di cui vi parliamo oggi, quelle di Frasassi sono le uniche naturali e vi lasceranno letteralmente a bocca aperta.

▶︎ Trovandovi nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, se amate il trekking e non siete dei principianti, non perdetevi l’escursione al Foro degli Occhialoni.

Ancona sotterranea

Abbandoniamo per un attimo le grotte nel senso più comune e diffuso del termine e mettiamo i piedi ammollo. Non andiamo a farci una nuotata ma i piedi nell’acqua, con gli stivali ovviamente, li abbiamo messi! Ancona sotterranea, infatti, è un tour che vi porterà alla scoperta di vicoli e cunicoli sotto il capoluogo di regione marchigiano.

Scoprirete che già dal 1400 era noto che nel sottosuolo di Ancona vi fossero delle opere idrauliche utilizzate per l’approvvigionamento d’acqua della città. Si parla di una rete di ben 3km che si estendono da Viale della Vittoria al porto, raggiungendo anche il Colle Guasco. Non tutta la rete dell’acquedotto anconetano è percorribile ma possiamo garantirvi che quello che vedrete, unito al racconto di guide speleologhe, sarà sufficiente per rendervi conto della vastità di questo mondo sotterraneo “bagnato”!

ancona sotterranea
Inizio del percorso sotterraneo

Le grotte del Cantinone di Osimo (AN)

Le grotte di Osimo sono in realtà degli ipogei, scavati dall’uomo. Si tratta di un labirinto di oltre 100 grotte per un totale di circa 9km di lunghezza. Un luogo senza tempo, dove il senso del tempo e dello spazio scompaiono: il mondo esterno, qui, non trova posto, il rumore e la confusione non esistono, regna solo il silenzio.

Le grotte del Cantinone sono le uniche sempre aperte al pubblico, accessibili solo con una visita guidata che dura circa 45 minuti.

grotte di osimo
Cunicoli grotte di Osimo

Le grotte di Camerano (AN)

A soli 20 minuti in auto da Osimo, nel sottosuolo di Camerano si celano circa 2km di grotte artificiali, di cui quasi la metà visitabili. Definire le grotte di Camerano affascinanti è francamente riduttivo. Questo reticolo di cunicoli scavati in principio dai Piceni sono una gioia per gli occhi e uno scrigno di segreti, misteri e leggende. D’altronde, tra riti pagani, religiosi, massonici e carbonari, queste grotte devono essere state testimoni di storie a dir poco avvincenti!

grotta ricotti camerano
Grotta Ricotti Camerano

Le cisterne romane di Fermo

Una delle chicche da non perdere durante una gita a Fermo è sicuramente la visita delle cisterne romane. Tra le più antiche e grandi al mondo, rappresentano i resti di un impianto idrico per la raccolta di acqua piovana di epoca augustea. Molto ben conservate, si tratta di un’esperienza piuttosto suggestiva, diversa dalle altre. Interessante il racconto delle tecniche di raccolta dell’acqua, testimonianza dell’ingegno dei Romani.

cisterne romane fermo
Cisterne romane

Ti potrebbero anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.