Giornate FAI d’autunno a Santarcangelo di Romagna

giornate fai d'autunno rimini santarcangelo di romagna

Partecipare alle giornate FAI è per noi diventato un appuntamento fisso al quale non vogliamo rinunciare. È grazie a queste iniziative che nell’ultimo anno abbiamo scoperto luoghi e angoli della nostra amata Romagna normalmente chiusi al pubblico o sconosciuti. Se le giornate FAI di primavera 2018 sono state dedicate allo stile liberty a Riccione e a Rimini e Viserba, le giornate FAI d’autunno hanno avuto come protagonista Santarcangelo di Romagna.

giornate FAI d'autunno Santarcangelo di Romagna
Il borgo

Terra natia del Sangiovese e con oltre 150 grotte tufacee ipogee – che contiamo di visitare quanto prima – Santarcangelo di Romagna è il classico borgo romagnolo, un paese dove l’autenticità dei suoi abitanti e la valorizzazione delle sue tradizioni la fanno da padrone. Nel passeggiare per i suoi vicoli di domenica mattina sentirete il gruppo di vecchiette tornare a casa dopo la messa e parlare di cosa cucineranno a pranzo, avrete la tentazione di fare un’incursione in casa di una azdora intenta a preparare le tagliatelle al ragù perché il profumo del sugo (che deve bollire rigorosamente per almeno due ore a fuoco basso) inebrierà le vostre narici e vi aprirà lo stomaco alle 10 di mattina! (Credeteci, a meno che non siate vegetariani o vegani, resistere può essere una sfida ardua).

giornate FAI d'autunno Santarcangelo di Romagna
Santarcangelo di Romagna – passeggiata panoramica verso la Rocca Malatestiana

Santarcangelo è un borgo medievale e, in quanto tale, ricco di storia, artigianato e tradizioni. Grazie alla delegazione FAI di Rimini abbiamo scoperto due realtà uniche del panorama romagnolo: l’Antica Stamperia Marchi e la Rocca Malatestiana

Giornate FAI d’autunno: Antica Stamperia Marchi

Sin dal 1600, all’Antica Stamperia Marchi si stampa la tela a ruggine, utilizzando i medesimi colori, metodi e stampi in legno. Nessuna innovazione tecnica e tecnologica, si lavora utilizzando gli stessi metodi da secoli. E quando la famiglia Marchi parla di “metodi secolari” non scherzano. All’interno del laboratorio si trova un antico mangano del 1633, ancor oggi funzionante ed utilizzato per la stiratura delle tele di canapa (unico ancora esistente al mondo per peso e dimensioni). Pensate che venne usato in epoca romana anche per costruire il Colosseo poiché fungeva da gru, permettendo lo spostamento di ben 55 quintali di peso grazie al peso di un uomo. Purtroppo non possiamo mostrarvi foto e video del suo funzionamento poiché all’interno della bottega è vietato fare fotografie. L’unica foto, scattata prima che ci comunicassero il divieto, è questa (ci scusiamo per la non ottima qualità dello scatto ma è stato fatto di fretta). 

giornate fai d'autunno Santarcangelo di Romagna
Il mangano all’Antica Stamperia Marchi

Visitare la stamperia significa entrare in piccoli ambienti dove si ha la sensazione che il tempo si sia fermato, circondati da stampi in legno di pero (perché non si deforma) risalenti al XVII secolo, da schizzi, disegni e antichi attrezzi. Luoghi dove la fretta non esiste, dove ogni passaggio viene svolto con una calma ad oggi paradossale (abituati ai ritmi moderni), perché occorrono tanta precisione e pazienza. I risultati sono meravigliosi e sfidiamo chiunque sia stato in Romagna a non aver visto uno di questi prodotti nei negozi.

giornate fai d'autunno santarcangelo di romagna
Antica Stamperia MArchi
Giornate FAI d’autunno: Rocca Malatestiana

Le giornate FAI d’autunno ci hanno permesso di entrare all’interno della Rocca Malatestiana, solitamente chiusa al pubblico e le cui prime tracce scritte sono state ritrovate nel Codice Bavaro (un papiro oggi conservato in un museo a Monaco di Baviera). Come in tutti i castelli/rocche/fortezze che si rispettino, anche in questo caso questi possedimenti passarono attraverso diverse mani: Carlo Magno, i Malatesta, i signori del Montefeltro, i Borgia, i Veneziani e la Santa Sede. È ai Malatesta, tuttavia, che si deve la configurazione della rocca così come la vediamo oggi. In particolare, fu Carlo Malatesta ad iniziare la costruzione del Mastio, seguito dal caro nipotino Sigismondo Pandolfo che però ne dimezzò l’altezza. Oggi è di proprietà della Principessa Colonna di Paliano.

Grazie alle giornate FAI e alla disponibilità della proprietaria, è stato possibile visitare il cortile e quattro stanze, arredate con mobili seicenteschi (alcuni purtroppo persi perché bruciati per riscaldarsi durante la guerra mondiale), arazzi, soprammobili di pregio e con delle botole per, come dire, far scomparire i nemici 😅.

giornate FAI d'autunno Rocca Malatestiana
Rocca Malatestiana – interni
giornate FAI d'autunno Rocca Malatestiana
Rocca Malatestiana – interni
Giornate FAI d’autunno a Santarcangelo di Romagna

Causa impegni pregressi, terminata la visita alla stamperia e alla rocca abbiamo a malincuore lasciato Santarcangelo di Romagna. Una cosa però è certa: torneremo. La curiosità di visitare le grotte tufacee ipogee è davvero tanta e vogliamo approfondire la storia del borgo – dove nacque Tonino Guerra – che, siamo certi, ha tante storie da raccontare, quelle storie “della Romagna” che tanto ci piacciono e che fanno volare la nostra immaginazione.

Ti potrebbero anche interessare

2 commenti

  1. Che eleganti gli interni della Rocca! E che fascino la stamperia!!!! *_* Ma perchè non facciamo una class action e chiediamo al FAI di aumentare le giornate durante l’anno? Io aspetto le giornate FAI (in primavera e autunno) quasi come il giorno di paga! 😛
    Comunque anche io ne ho usufruito e ho visitato una chicca segreta nel cuore di Napoli. Chicca che mi ha procurato un’altra bella ciocca di capelli bianchi per la paura… 😉

    1. Inizierei a farne una per ogni stagione, che ne dici?
      Non vedo l’ora di saperne di più della tua esperienza alla “shining”….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.