Heidi, ti sorridono i monti …

I lunedì sono già di per sé traumatici perché si deve tornare a lavorare, ma lo sono ancora di più se torni a lavorare dopo una settimana di ferie all’insegna del relax, delle camminate e dell’aria fresca e pulita tipica della montagna. a59375599f9ea2d185ca68440bc91fd4

Quando ero più piccina, tutti gli anni passavo una settimana in Trentino con la mia famiglia a settembre e lo considero ancora oggi il periodo ideale per visitare questa regione. I colori, l’aria, i ritmi e anche i turisti sono diversi. Vogliamo anche aggiungere che i prezzi sono un pochino più bassi? Direi di sì.

I primi 8 mesi del 2016 sono stati veramente pesanti al lavoro, quindi avevamo entrambi bisogno di disintossicarci dalla vita quotidiana, dalla gente, dalla macchina, dalle telefonate, in pratica da tutto. Quale miglior destinazione?

Abbiamo trascorso 7 meravigliosi giorni nella minuscola frazione di Saltusio, a soli 10km dalla città di Merano presso l’Hotel Saltauserhof, 4* (eh sì, questa volta ci siamo trattati bene ….).

dav

Vi chiederete: “Cosa fai una settimana in montagna senza neve?”

Facile: cammini, ti godi la natura, mangi bene, dormi, ti riposi, ti fai qualche oretta di spa, visiti i paesini arroccati sulle montagne. Torni a dei ritmi che non sono più scanditi da: lavoro, spesa, commissioni, appuntamenti….ti alzi tranquillamente alle 8, trascorri la giornata fuori, ceni alle 19 e dopo una breve passeggiatina serale ritorni in camera e ti fai una bella dormita (le vostre occhiaie ringrazieranno – o perlomeno le mie lo hanno fatto).

L’Alto Adige è una zona molto organizzata, in particolare sotto il profilo turistico. Ogni sentiero (va da sé che ce ne sono a centinaia) è perfettamente segnalato, adatto sia per chi ama camminare sia per chi preferisce la mountain bike. Fra quelli che abbiamo percorso vi consigliamo i “Sentieri d’Acqua Meranesi” (noi ne abbiamo fatto una parte, considerate che in totale sono circa 84km…) e “i Masi dello Scudo”.

Noi preferiamo camminare ma abbiamo anche sperimentato la bici per ben 16 km a/r. Non vi nascondo che riprendere la bici dopo anni è stato quasi imbarazzante, i primi minuti mi sono sentita un po’ impedita …. ma ci siamo comunque divertiti. Il percorso per noi è partito dall’hotel lungo il fiume Passirio fino a circa S. Lorenzo in Passiria e ritorno, decisamente piacevole.

A pochi passi dal nostro hotel c’è un impianto di funivia che arriva fino a 1980m alla stazione di Klammeben, da cui partono molti sentieri per tutti i gusti. Non ci siamo risparmiati, quindi le ovvie difficoltà “respiratorie” …. sono state causate in gran parte dalla mancanza di allenamento da parte nostra (forse era necessario una piccola preparazione alla Rocky), con scene come questa:

174

Sensazioni di attacco cardiaco imminente a parte … sono concorde con manager nel dire che le nostre scarpinate a 2000m siano state le migliori, in particolare dal punto di vista panoramico.

dig

img_20160928_150736

dav

Una giornata l’abbiamo dedicata alla visita della città di Merano e a Castel Trauttmansdorf con i suoi splendidi giardini. E quando diciamo splendidi non stiamo affatto esagerando, vedere per credere. A memoria non ricordiamo di essere riusciti a trascorrere più di 4 ore gironzolando a bocca aperta in mezzo a piante, fiori, laghetti e … girasoli (sì, avete capito bene, girasoli a settembre in Alto Adige). Beh, niente chiacchiere, godetevi le foto!

bty

Che dire, non riusciamo proprio a trovare un aspetto negativo delle nostre ferie, anzi!

Vogliamo concludere il nostro breve racconto con una parentesi dedicata al cibo. Eh sì, in quanto buone forchette non ci siamo di sicuro tirati indietro di fronte alle specialità del Sud Tirol images (1): canederli, speck, strudel, pane, frutti di bosco, chi più ne ha più ne metta. Rifocillarsi in un rifugio è un obbligo morale se siete amanti della buona tavola. E noi, per non farci mancare niente, prima di tornare a casa abbiamo fatto tappa a Bressanone per partecipare alla Festa del Pane e dello Strudel.  

 

 

Wiedersehen! images (1)

xoxo

Ti potrebbero anche interessare

12 commenti

  1. Io adoro la montagna d’estate, e più o meno, anche se in località diverse, abbiamo fatto le stesse cose, sveglia alle 7 e alle 8.30 eravamo giù su un autobus pronti per una bellissima escursione

    1. Io ho passato la mia infanzia e prima adolescenza in montagna con i miei genitori, è un tipo di viaggio che amo molto e che vorrei riprendere al più presto. Per me la montagna in estate/autunno ha un non so che di magico!

  2. Si, l’Alto Adige è davvero super organizzatissimo e sono davvero bravi (io sono trentina e ho lavorato nel turismo: loro sono avanti anni luce da noi!)! E di camminate ce ne sono tantissime: c’è l’imbarazzo della scelta!

    Ecco, i giardini di Castel Trauttmansdorf saranno tra le mie prossime mete alto atesine: ho visto le foto e sono molto belli (poi io ho un debole per i giardini & orti & parchi) 🙂

    1. Allora quei giardini fanno per te! Io personalmente spero anche di tornarci, mi hanno stregata e sono convinta che in primavera siano davvero una chicca di pura bellezza!

  3. Adoro il Trentino, adoro Merano e…adoro il tuo post! Il tuo articolo mi ha venire voglia di organizzare un paio di giorni nuovamente in questa terra meravigliosa!

    1. Noi ci torneremmo molto volentieri, è una zona dell’Alto Adige che ha tanto da offrire e quello che mi piace di più è che è fruibile in tutte le stagioni!

  4. Non immagini quanto amo trascorrere l’estate in montagna e fare i vari trail e fotografare laghi monti e fiori. L’aria è più bio a e il silenzio è unico

    1. Ciao Marina! Sono assolutamente d’accordo con te, infatti mi piacerebbe tornare in montagna più spesso di quello che faccio. Ti rimette al mondo.
      Grazie per essere passata
      Erica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.