Costa de la Luz, Andalusia: le spiagge più belle di Huelva

spiaggia e conchiglia

La provincia di Huelva è con tutta probabilità la provincia andalusa meno nota al turismo internazionale. Peccato, perché con il suo patrimonio storico e, in particolare, enogastronomico e naturalistico darebbe del filo da torcere a tante altre sorelle più blasonate. Gli spagnoli, andalusi in particolare, ringraziano di questo ruolo da Cenerentola perché si possono tenere per loro lunghe spiagge dorate e una natura spesso incontaminata.

Per capirci, ci sono alcune zone costiere di Huelva che in estate diventano quasi come la riviera romagnola tante sono le persone che si trasferiscono nelle seconde case o affittano un appartamento. Basti dirvi che quasi tutti gli studenti che avevo durante la mia esperienza nella piccolissima Bollullos par Del Condado possedevano o affittavano una casa a Matalascañas per le vacanze estive. Ecco il dialogo tipo:

  • Io: Ragazzi dove trascorrete le vacanze estive?
  • St: Matalascañas! (in coro che nemmeno all’Antoniano)
  • Io: Ma sempre? Non cambiate mai destinazione?
  • St: (silenzio – sui loro visi espressioni di sconcerto, come se avessi fatto chissà quale domanda imbarazzante. I più piccolini ridevano anche, lasciandomi qualche secondo ad arrovellarmi su cosa avessi detto di così ilare).

Le migliori spiagge di Huelva – Costa de la Luz

Da questi teatrini è nata la mia curiosità: dovevo vedere con i miei occhi queste tanto decantate spiagge della Costa de la Luz. E niente, ho dovuto dare ragione a quelle piccole pesti urlanti (ma che mi mancano tanto). Le spiagge della Costa de la Luz non solo solo molto ampie, dalla sabbia fine e dorata. No, le spiagge della provincia di Huelva sono uno spettacolo naturalistico con l’aggiunta dell’oceano Atlantico. Per carità, l’acqua non sarà molto calda ma vi riprenderete subito con un bel pranzo a base di tapas di pesce.

In bassa stagione, il periodo che preferiamo, le spiagge sono completamente a nostra disposizione, mentre in estate spuntano bar, chiringuitos e altri servizi legati alla stagione balneare. Passeggiare il fine settimana sulla spiaggia anche in pieno inverno è un ottimo modo per lasciarsi la settimana lavorativa alle spalle e, questo, i miei studenti lo sapevano bene. Infatti, quando il lunedì raccontavo loro che ero stata in spiaggia, il loro sguardo era tutt’altro che sconcertato, somigliava più a quello di Fonzie di Happy Days (mancava solo che mi dicessero “Hey!” con il pollice in su).

Le spiagge della Costa de la Luz nella provincia di Huelva si estendono dal confine con il Portogallo fino al Parco Nazionale di Doñana ed è proprio in questo ordine che ve le proporremo.

La spiaggia di Isla Canela

Ci troviamo ad Ayamonte, la città di frontiera della provincia di Huelva. A pochi chilometri dalla città si trova Isla Canela, un’incantevole spiaggia circondata da numerosi servizi turistici. Se vi avvicinerete alla foce del fiume Guadiana, in pratica al confine con il Portogallo, troverete la Playa de San Bruno, molto più tranquilla e meta di pescatori grazie alla sua bassa marea. È una delle zone della costa di Huelva dove si pescano le ottime telline.

Isla Cristina

Spostandosi verso Isla Cristina, si incontra la Punta del Moral. Si tratta di una piccola penisola un tempo abitata solo da pescatori. Oggi, purtroppo, al posto delle loro case si trovano hotel e grandi barche ma la spiaggia è comunque piuttosto ampia.

Isla Cristina, famosa per il suo carnevale e per la salina, è da sempre stata dipendente dalla pesca, tanto da renderla la seconda città per scambi commerciali in Andalusia dopo Cadice. Le spiagge si trovano nella zona est della città. Le più interessanti sono Playa Punta del Caimán, Playa Central, Playa del Hoyo e Playa de la Redondela, tutte protette dalla pineta, a rendere il paesaggio ancor più suggestivo, soprattutto al tramonto.

spiaggia isla cristina andalusia
Isla Cristina

Islantilla

La pineta che inizia a Isla Canela prosegue fino a Islatilla. Le sue spiagge dalla fine sabbia dorata vanno a braccetto con gli amanti del golf. La spiaggia si estende per quasi 2km e sono invase in estate prevalentemente da proprietari di seconde case.

All’altezza del porticciolo di El Terrón, si trova probabilmente una delle spiagge più belle della zona. È piuttosto isolata, in primis perché si tratta di una spiaggia naturista. Ora, chiaramente non vedrete foto di questa spiaggia: quel che succede a El Terrón, resta a El Terrón 😝. Scherzi a parte, per raggiungerla dovrete guidare su una strada sterrata non in ottime condizioni e proseguire camminando sulle passerelle di legno che, tradizionalmente, fungono da protezione per le dune.

​Playa de la Flecha de Nueva Umbría

Dalle località di El Rompido e El Portil è possibile, grazie a delle barchette, attraversare il fiume e raggiungere l’antistante penisola, facente parte dell’estuario del fiume Piedras, per godersi una giornata di spiaggia senza che nessuno venga a disturbarvi. La Playa de la Flecha de Nueva Umbría vi aspetta con i suoi 12km di litorale, nati a seguito del terremoto di Lisbona del 1755. Nella zona centrale è presente anche una spiaggia naturista.

Punta Umbría

Ci troviamo a un’ora di auto da Siviglia: per questo e per i servizi offerti, Punta Umbría è una delle spiagge più amate dai sevillanos. Si tratta di uno dei lidi meglio attrezzati e più belli della Costa de la Luz. Per questo motivo, è anche uno dei luoghi più affollati nei mesi estivi.

Tredici chilometri di sabbia fine e dorata che abbiamo avuto la fortuna di goderci in pieno inverno, al loro stato – se vogliamo – un po’ selvaggio. Un luogo ideale dove praticare anche diversi sport acquatici come il paddle surf, il kayak e il kitesurf.

Considerato che si trova tra l’oceano Atlantico e l’estuario del fiume Odiel, Punta Umbría è per il 70% un’area protetta. La laguna de El Portil e le Marismas del Odiel (paludi del Odiel) sono il primo “avamposto” prima di raggiungere il Parco Nazionale di Doñana.

punta Umbria huelva
Punta Umbría

Le spiagge di Mazagón

Ci avviciniamo sempre di più al Parco Nazionale di Doñana, il quale, con le sue dune e le sue pinete, abbraccia le spiagge di Huelva, una fra tutte quella di Mazagón.

Le spiagge di Mazagón si differenziano dalle precedenti per la scarsa presenza di servizi balneari e l’accesso non immediato. Raggiungerle non è affatto difficile ma, rispetto a Playa Canela o Matalascañas, bisogna camminare un po’ di più.

Tra le spiagge più note c’è sicuramente Cuesta Maneli, Parador e Rompeculos, quest’ultima spiaggia naturista. Tutte spianate di sabbia dorata “incoronate” dalla vegetazione del parco patrimonio Unesco.

spiaggia mazagon
Mazagón

Se ogni tanto vedrete passare sulla spiaggia qualcuno a cavallo non dovete stupirvi: scoprire la zona delle dune e della pineta a cavallo è una delle escursioni più amate dagli andalusi e, se siete appassionati di questo genere di attività, non fatevi sfuggire l’occasione. L’escursione a cavallo sulle spiagge di Mazagón è un’esperienza inebriante, un modo unico per godersi la brezza dell’oceano e una biodiversità unica al mondo, una vera iniezione di libertà.

​La spiaggia di Matalascañas

Insieme a Mazagón e Punta Umbría, è una delle spiagge di Huelva più amate dagli abitanti di Siviglia. Il Parco di Doñana abbraccia letteralmente questa spiaggia di 7 chilometri, profonda in media 80 metri, rendendola anche un buon punto di partenza per una visita guidata all’interno del parco nazionale. Il centro visitatori di Acebuche, infatti, si trova ad appena 7km.

Matalascañas ha un suo elemento distintivo. Una volta arrivati in spiaggia è impossibile non notare il grande scoglio in mezzo al mare. Chiamato Torre de la Higuera, o più comunemente Tapón (tappo) o Peña (il masso), si tratta dei resti di una delle sette torri che fungevano da protezione nel XVI secolo in caso di incursioni costiere da parte di turchi e corsari del Nord Africa.

Passeggiare lungo la spiaggia (fino al confine con il territorio del parco), godersi il panorama dalla cima delle dune che cambiano continuamente forma e dimensione, concludere la giornata al sole con un aperitivo vista oceano non ha prezzo e questo gli andalusi lo sanno. Dal punto di vista ricettivo, Matalascañas è invasa da appartamenti, case vacanze e qualche hotel: la vista non è sicuramente delle migliori, anche perché molte strutture necessiterebbero di una bella ristrutturazione, ma in fondo non dobbiamo guardare le case, giusto? 😆

Beh, noi abbiamo già la borsa mare pronta, voi? Quale spiaggia provereste?

(Foto di copertina Canva)

Ti potrebbero anche interessare

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.